giovedì 29 agosto 2013

Il Poeta e il contadino

Il poeta e il contadino. Ricordo fosse una trasmissione con Cochi e Renato di parecchi anni fa. Non so se attuale. Il poeta è anche un principe, isolato. Il contadino ha volontà, molta. Poi succede che le cose si mischiano, che il contadino vorrebbe fare il poeta. Ma è malaticcio, bruttino, volgare. Non parlo solo di uomini, ma anche di donne che si auto professano “con le palle”. Forse sarebbe meglio dire “senza fica”, cioè te la danno, se l’hanno, quando conviene a loro. Quindi, contadini ma anche contadine. Sofferenti ma furbi. Tanto furbi. La loro grazia è ridotta a zero, non hanno la virtù dei poeti, ma per una “semplice” malattia mentale vogliono cimentarsi con cose più grandi di loro. Avete mai visto contadini pittori? Scrittori? Musicisti? Fanno pena, la loro grande volontà o la loro grande malattia li fa sentire alla altezza dei poeti, ovvero dei principi ornati dalla Luce. Questa volontà ormai oggi ha superato la meritocrazia, si dà la fica e il culo solo per sollevarsi dalla merda in cui si è. Ma il puzzo, signori, quando passate per la strada, si sente, eccome! Anche se vi mettete litri di lavanda per scacciarlo, non potete fare come Marilyn Monroe, una goccia di Chanel e via. Si sente lo stesso, l'odore di lavanda a chili puzza!