lunedì 9 luglio 2012

Mi fate ridere, andate al mare al mattino, daI

Mi fanno ridere, cris, mirim bliss che vanno al mare al mattino, presto. Al mare si va di sera, dopo il lavoro.
Ma non è questo che mi rende triste. Alla tavolata di un compleanno c'era una bambina vivace, molto. Scherzavo con lei, mi chiamava Mimì, come nell'aria della Boheme, come Mia Martini, invece ho saputo che invece di essere allegra, ha il padre separato in casa e al limite del divorzio. D'accordo, la colpa è sempre dei genitori, entrambi. Ma ho saputo che la madre era obesa, dopo Valentina ha avuto la depressione post partum, ha perso il lavoro. E lui l'accettava.Ora,superata la depressione, l'obesità e ha ottenuto il lavoro, si è scocciato. Lui. Io ho paura per tutti: per Vale, per Gloria, per la mamma. E' lui l'orco assassino, che per tigna o ripicca non abbandona il tetto. Che me ne fotte del mare al mattino, io voglio la Valentina che sorride per sempre, mi sorride, mi aspetta lassù, quando l'immaginario prende il posto della stupida realtà. Ho lei nei miei sogni, il babbo tra gli incubi. Vale, mi perdonerai se ti volessi adottare? Tu e la tranquilla e bellissima Gloria, per sempre con me????